MeAT lo stile vecchia osteria torna moderno

Francesca Negri / 19 febbraio 2015 / Stili e Novità

Entrando al MeAT, nuovo ristorante di cucina giudaico romanesca , si ha l’impressione di rivivere l’atmosfera delle osterie popolari di un tempo ma con un tocco molto moderno e attuale.
La location in via Portuense a Roma è – non a caso – uno storico casale annesso ad una palazzina del ‘700 ed è stato ristrutturato a regola d’arte dallo studio P + R + V che è riuscito a declinare il giusto mix di antico e nuovo.

MEAT_Roma_4

Il tema della vecchia osteria è stato reinterpretato dando agli ambienti un look domestico, pervaso da materiali e oggetti familiari.

Il progetto rilegge gli elementi tipici della trattoria popolare e li contamina con nuovi materiali e un’attenta scelta di palette e pattern dai toni caldi con il filo conduttore del color verde pallido.

MEAT_Roma_6MEAT_Roma_3 interni

La realizzazione è all’insegna del ready made e del riutilizzo, attraverso l’impiego di prodotti semilavorati: pannelli in multistrato di legno, lastre di lamiera stirata, profilati metallici e tubi idraulici.

Da MeAT tutto è pensato per essere flessibile: le basi dei tavoli, realizzate con raccordi idraulici si adattano a qualunque esigenza; le bottigliere, in ferro laccato e agganciate alla barra perimetrale si possono spostare liberamente lungo le pareti.

I rivestimenti in doghe di legno sulle pareti, tipicamente anni ’80, sono stati riattualizzati attraverso l’applicazione di alcuni wallpaper con pattern in legno del designer olandese Piet Hein Eek per Jannelli & Volpi.

MEAT_Roma_2 banconeMEAT_Roma_5a

Il tradizionale bancone della mescita è il punto focale del ristorante: elemento d’arredo che separa e contraddistingue gli spazi, è pensato come isola di lavoro (in ferro, legno e marmo) ed è estremamente funzionale grazie ad un sistema di mensole e pannelli scorrevoli che lo rendono anche contenitore.

MEAT_Roma_2 ingresso

Le lampade a sospensione sono made in USA e richiamano le vecchie lampadine penzolanti, la luce calda viene enfatizzata dai riflessi del soffitto in lamiera stirata.

MeAT è in realtà un acronimo per Marco e Angelo Trattoria, ma il gioco delle lettere non è casuale visto che uno degli ideatori è il proprietario della più antica macelleria Kosher di Roma.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    SHARE VIA
      HABIMAT NEWS
      HABIMAT | DE MAS
      Nuovo Showroom a Feltre, in provincia di Belluno HABIMAT DE MAS - nuovo showroom

      Habimat Progetta con Noi

      Scopri il nuovo motore di Rendering per i tuoi progetti

         

      Cover StyleUP! Settembre 2016 Per salutare il 2016 abbiamo pensato a un piccolo regalo digitale per i nostri lettori. Scarica subito i wallpaper con le illustrazioni di Fabulo

        ROBO Scopri la linea di rubinetteria, box doccia HABIMAT e l'esclusivo complemento d'arredo ROBO.

      HABIMAT news