Tutti i vincitori del Compasso d’oro 2016

Michela Pesenti / 17 giugno 2016 / Stili e Novità

Una Ferrari, una caffettiera, lampade, sedute, ganci di sicurezza, uno yacht: ecco alcuni dei tredici vincitori dell’edizione 2016 del Premio Compasso d’Oro, prestigioso riconoscimento internazionale assegnato il 14 giugno dall’Associazione per il Disegno Industriale (ADI).

Il “nobel” del design, giunto alla sua ventiquattresima edizione, nacque nel 1954 da un’idea di Gio Ponti e inizialmente fu organizzato per anni dalla Rinascente di Milano con lo scopo di mettere in evidenza il valore e la qualità dei prodotti del design italiano, allora ai suoi albori. Nel 1964 l’organizzazione del premio fu assegnata all’ADI che da allora vigila sull’imparzialità dei riconoscimenti assegnati.

La giuria internazionale, formata da designer, ricercatori, critici e docenti, ha premiato la creatività, l’innovazione, l’estetica, l’impatto ambientale e sociale e la carica rivoluzionaria dei progetti. Consegnati inoltre dodici premi alla carriera, oltre a numerose menzioni speciali tra cui figura anche Lea Ceramiche, partner HABIMAT.

 

I PROGETTI VINCITORI

Ecco tutti i tredici vincitori del Compasso d’Oro 2016:

Design per l’abitare

5mm, Rubinetterie3M: disegnato da Giampiero Castagnoli, Marco Fagioli ed Emanuel Gargano, il rubinetto è stato apprezzato dai giudici per l’eccellente risultato che trasmette la convergenza tra soluzioni tecnologiche e linguaggio formale e innovativo; una soluzione compatta che indica nuovi scenari.

Ascent, Luceplan: la lampada di Daniel Rybakken è stata premiata per la semplicità della bellezza di un gesto che calibra l’intensità e l’ampiezza della luce.

OK, Flos: un oggetto, quello disegnato da Konstantin Grcic, che propone l’evoluzione di un’icona conservandone la tradizionale eleganza.

Ossidiana, Alessi: la caffettiera di Mario Trimarchi ha ricevuto il Compasso d’Oro per la tradizione e l’innovazione di un oggetto tipicamente italiano che sembrava immutabile.

 

Design per la comunicazione

Auditorium Giovanni Arvedi, Fondazione Giovanni Arvedi e Luciana Buschini: il progetto di Giorgio Palù e Michele Bianchi è stato premiato per aver realizzato con bellezza ed eleganza il concetto di armonia pari a un grande strumento musicale.

 

Design per il lavoro

FlaP, Caimi Brevetti: un sistema di pannelli fonoassorbenti, versatile e libero, realizzato da Alberto e Francesco Meda, che propone una nuova soluzione per un problema invisibile come i suoni e i rumori.

Vela, Tecno: lo studio Lievore Altherr Molina, secondo la giuria, ha condotto una ricerca che si concretizza in una seduta elegante, leggera, tecnologica e solida, integrando in modo brillante ergonomia ed estetica.

 

Design per la mobilità

Ferrari – FXX K, Ferrari: disegnata da Flavio Manzoni con Werner Gruber, l’automobile è un esempio di grande artigianalità industriale che rispecchia i valori della Ferrari e del made in Italy, un riconoscimento a un team formidabile che incarna i valori di un marchio storico.

Monokini, Baglietto: lo yacht progettato dai designer Francesco Paszkowski, Alberto Mancini e dall’azienda Baglietto ha saputo reinterpretare un archetipo e una tradizione marinara introducendo tecnologie innovative.

 

Design per la persona

Lucetta, Palomar: Emanuele Pizzolorusso con Alessandro Maffioletti, Giancarlo Pizzolorusso e Davide Uderzo hanno disegnato un prodotto piccolo, ma grande: un oggetto che dà una risposta intelligente a un’oggettiva necessità.

Omnia, Technogym: il Design Center dell’azienda produttrice di attrezzi per lo sport ha saputo dar vita a un sistema compatto che favorisce il benessere fatto di forma fisica e socializzazione.

Twin Gate, Grivel: i moschetti disegnati da R&D Grivel con Maurizio Gallo hanno ricevuto il Compasso d’Oro per un oggetto specialistico che migliora significativamente tutela e sicurezza nel rispetto della semplicità della forma.

 

Design per il sociale

Design as a Development tool, UNIDO – United Nations Industrial Development Organisation: premiato il progetto di Giulio e Valerio Vinaccia, destinato a promouovere il design e la creatività in contesti e Paesi con risorse limitate attraverso l’utilizzo di materiali e risorse locali.

 

Menzione d’onore invece a Type 32 Slimtech, la collezione di Lea Ceramiche firmata da Diego Grandi che, su lastre in gres laminato effetto legno, sorprende con un gioco di grafismi proposti in quattro varianti cromatiche che danno origine a infinite combinazioni e a una originale e insolita variante di pavimento decorato.

 

Tutti i progetti vincitori saranno in mostra fino al 22 giugno nel palazzo di corso Monforte 35, a Milano, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18. In esposizione 237 prodotti di design, di ogni categoria: dall’arredamento all’illuminazione, dai mezzi di trasporto ai servizi, agli oggetti personali.

  • Существует такая услуга – добровольное медицинское обслуживание .
    Она предполагает, что пациент платит небольшую сумму за абонемент и ходит на прием целый год не платя за каждый прием.
    Однако опросы показывают, что лишь 4% жителей города знают о ее существовании.
    Почему так происходит?
    Да потому что клиникам намного выгодней брать плату за каждый визит.
    А если какой-нибудь сотрудник клиники попытается рассказать про добровольное медицинское обслуживание клиенту – это сулит ему увольнением.
    Эта информация уже спровоцировала много возмущений, сразу после того как информацию об этом распространил один возмущенный врач.
    Его уволили , после того, как он посоветовал ДМО своему пациенту.
    Самое удивительное, что информация по ДМО присутствуют в открытом доступе, просто натыкались на эту информацию единицы.
    Как отстоять свои права?
    О правилах оказания такой услуги и обязанностях клиник можно узнать, сделав запрос в Яндексе: “добровольное медицинское обслуживание”.
    И именно обслуживание, а не страхование.

    34j5c6h86

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SHARE VIA
    HABIMAT NEWS
    HABIMAT | Capri
    Nuovo Showroom a Pray, in provincia di Biella
     

    HABIMAT | Focardi e Cerbai  
    Nuovo Showroom a Sesto Fiorentino, in provincia di Firenze

    inaugurazione-cerbai

    HABIMAT | DE MAS
    Nuovo Showroom a Feltre, in provincia di Belluno HABIMAT DE MAS - nuovo showroom

    Habimat Progetta con Noi

    Scopri il nuovo motore di Rendering per i tuoi progetti

       

    Cover StyleUP! Settembre 2016 Per salutare il 2016 abbiamo pensato a un piccolo regalo digitale per i nostri lettori. Scarica subito i wallpaper con le illustrazioni di Fabulo

      ROBO Scopri la linea di rubinetteria, box doccia HABIMAT e l'esclusivo complemento d'arredo ROBO.

    HABIMAT news