Una casa sempre più multisensoriale

Francesca Negri / 13 settembre 2014 / Stili e Novità

L’elemento tecnologico si integra perfettamente con l’arredo, secondo un nuovo concetto di personalizzazione della casa che, andando oltre l’interior design, diventa multisensoriale. E’ uno spunto interessante quello che viene dall’azienda Presotto, che lancia una nuova linea di mobili che arredano e nascondono i dispositivi audio senza comprometterne la diffusione sonora; mobili che fungono anche da cornice per la tv; dockstation per diffondere musica direttamente dal mobile tramite il bluetooth del proprio smartphone o dotati di tecnologia Qi per ricaricare il cellulare semplicemente appoggiandolo sul piano, senza l’impiego di nessun filo.

La collezione Presotto, già caratterizzata da modularità e profondità di gamma, finiture e tipologia di accessori inseribili come cassetti interni, porta cd/dvd o appendiabiti, è studiata per integrare alla perfezione elementi tecnologici e consentire l’inserimento di barre elettrificate e il passaggio nascosto di cavi elettrici e di collegamento.

Base you sound: base dritta con una sottilissima anta microforata fonocompatibile costituita da un telaio in MDF con rivestimento in metallo, consente il passaggio del suono, favorisce la ventilazione del vano interno e nasconde casse audio, subwoofer, soundbar, dvd, decoder. La diffusione sonora è ad altissima qualità, il risultato estetico è sorprendente grazie a 34 varianti di colore in grado di soddisfare qualsiasi gusto. Tutti i cavi sono a scomparsa, consentendo così all’elemento tecnologico di integrarsi con l’arredo della casa. Inoltre è dotata di passacavo sulla schiena e sulla divisione interna per il cablaggio degli apparecchi elettronici. Le barre elettrificate sono fornite incassate nella schiena, mentre le barre multipresa disponibili sul mercato possono trovare alloggiamento dietro gli apparecchi elettronici.

Tecnologia QI: assolutamente innovativa la presenza di un carica batterie a induzione magnetica “nascosto” nel mobile. Così il cellulare, semplicemente appoggiato sul mobile e grazie alla tecnologia Qi, si ricarica senza l’impiego di alcun filo. Qi è un’interfaccia standard per il trasferimento, senza fili, di energia elettrica tra piccole distanze. Consente l’interoperabilità tra un dispositivo che trasmette energia (stazione di ricarica, trasmettitore di corrente) e un dispositivo che riceve energia (apparati portatili, alimentatori). Lo standard Qi consente di ricaricare prodotti elettronici, alimentati a batteria tramite induzione magnetica, avvicinandoli ad un trasmettitore di corrente. Qualsiasi dispositivo dotato, o dotabile, di un accessorio compatibile con la tecnologia Qi può essere ricaricato tramite induzione e in modalità wireless. Maggiori informazioni su: www.qinside.biz.

Presotto hitech 6

Dockstation integrataper mobili zona giorno: collegando il proprio iPhone/iPod nel dock, un dispositivo MP3 alle porte USB o AUX oppure inserendo una SD card nel control box, il kit diffonde la musica direttamente dal mobile tramite le casse e il subwoofer. Allo stesso tempo può ricaricare iPhone/iPod. È possibile collegare anche un iPad tramite un apposito cavetto in dotazione.

 

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    SHARE VIA
      HABIMAT NEWS
      HABIMAT | Capri
      Nuovo Showroom a Pray, in provincia di Biella
       

      HABIMAT | Focardi e Cerbai  
      Nuovo Showroom a Sesto Fiorentino, in provincia di Firenze

      inaugurazione-cerbai

      HABIMAT | DE MAS
      Nuovo Showroom a Feltre, in provincia di Belluno HABIMAT DE MAS - nuovo showroom

      Habimat Progetta con Noi

      Scopri il nuovo motore di Rendering per i tuoi progetti

         

      Cover StyleUP! Settembre 2016 Per salutare il 2016 abbiamo pensato a un piccolo regalo digitale per i nostri lettori. Scarica subito i wallpaper con le illustrazioni di Fabulo

        ROBO Scopri la linea di rubinetteria, box doccia HABIMAT e l'esclusivo complemento d'arredo ROBO.

      HABIMAT news