Architetture dimenticate: un account su Instagram per raccoglierle – bozza

Michela Pesenti / 24 gennaio 2020 / Stili e Novità

Architetture dimenticate o semplicemente poco note, realizzazioni fuori dal circuito mainstrem: a dare visibilità a queste opere ci pensa la pagina Instagram forgotten_architecture e il relativo gruppo su Facebook creati dalla giornalista Bianca Felicori. Una vetrina per riportare alla luce progetti poco studiati all’università oppure dimenticati come precisa l’autrice della pagina: «Il termine forgotten non va frainteso con abbandonato o scarsamente curato, ma ha varie sfumature: forgotten è l’architettura di un grande maestro dimenticata, è l’opera di un architetto minore mai considerata, è la piccola chiesa dell’archi-star mai studiata in università e così via».

 

Forgotten architecutre è quindi un progetto di pura condivisione a cui chiunque può contribuire, dal professore di storia dell’architettura agli studenti, dai professionisti ai semplici appassionati. Un gruppo e una pagina che si arricchiscono continuamente, tra ex avveniristici distributori di benzina, facciate di teatri abbandonati, autogrill che sembrano cattedrali e così via.

 

Un esempio pratico di come i social possano essere una potente cassa di risonanza lo racconta direttamente Bianca Felidori: «Nel 2019, nel padiglione Cuba della mostra Broken Nature presso la Triennale di Milano ho scoperto Las Escuelas Nacional De Arte – 1961, La Habana (Cuba) – di Vittorio Garatti, Roberto Gottardi, Ricardo Porro, due architetti italiani insieme a un architetto cubano, commissionata da Fidel Castro e Che Guevara, nell’ambito della politica educativa promossa subito dopo la rivoluzione. Ora, io non conoscevo né loro né tantomeno il progetto. Questo è bastato per innestare un meccanismo di sharing incredibile: nel giro di pochi giorni abbiamo collezionato più di 350 architetture realizzate restate nell’ombra, magari perché di progettisti poco noti – o poco studiati – magari perché di grandi architetti alle prime armi e quindi meno acclamate».

 

Un successo inatteso quello della pagina, popolata «in netta prevalenza di progetti italiani. Le architetture che piacciono di più sono quelle utilitarie e quelle ‘del piacere’: molte gas station, che sono considerate tra le più dimenticate, anche se sono state progettate da Mies van der Rohe o da Mario Bacciocchi e in questo caso c’è bisogno di un De Lucchi che riqualifica la sua stazione Agip milanese o di Fernan Ozpetek, che in quella abbandonata di Lecce ci girò il film Allacciate le cinture, per avere una visibilità» spiega l’autrice della pagina.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    SHARE VIA
      HABIMAT NEWS
      HABIMAT | Capri Nuovo Showroom a Pray, in provincia di Biella  

      HABIMAT | Focardi e Cerbai  
      Nuovo Showroom a Sesto Fiorentino, in provincia di Firenze

      inaugurazione-cerbai

      HABIMAT | DE MAS
      Nuovo Showroom a Feltre, in provincia di Belluno HABIMAT DE MAS - nuovo showroom

      Habimat Progetta con Noi

      Scopri il nuovo motore di Rendering per i tuoi progetti

         

      Cover StyleUP! Settembre 2016 Per salutare il 2016 abbiamo pensato a un piccolo regalo digitale per i nostri lettori. Scarica subito i wallpaper con le illustrazioni di Fabulo

        ROBO Scopri la linea di rubinetteria, box doccia HABIMAT e l'esclusivo complemento d'arredo ROBO.

      HABIMAT news