Le icone di design da mettere sotto l’albero

Michela Pesenti / 18 dicembre 2020 / Stili e Novità

A Natale regalare un oggetto di design è sempre un’ottima idea, soprattutto se la persona prescelta è un designer o un appassionato della materia. Per quest’anno decisamente particolare in cui vivremo in modo diverso una delle feste più amate in assoluto può essere carino puntare su pensieri originali, come alcune icone di design low budget. Piccoli oggetti, alcuni anche di uso quotidiano, firmati dai grandi maestri del nostro Paese come Achille Castiglioni, Enzo Mari o Fortunato Depero. Vere e proprie icone di quello che in molti casi viene definito design anonimo che costella la nostra vita di tutti i giorni e oggetti resi famosi dall’arte, tutti con un prezzo contenuto e piccolissimo.

Ecco qualche esempio a cui potete ispirarvi per un regalo originale di cui magari non conoscevate l’autore: primo fra tutti l’interruttore disegnato dai fratelli Castiglioni nel 1968 per l’azienda LVM, un oggetto dall’estetica essenziale che rientra di diritto nella categoria anonymus design ma che fa bella mostra di sè nella collezione del Museo del Design Italiano della Triennale di Milano. Per gli amanti degli aperitivi si può invece puntare su una bottiglietta di Camparisoda, che forse non tutti sanno essere stata disegnata da Fortunato Depero nel 1932 per lanciare il nuovo aperitivo creato dalla Campari e diventato ben presto un’icona.

&nbsp

Dall’aperitivo alla zuppa in lattina: un’altra idea originale, soprattutto per gli estimatori del genio creativo di Andy Warhol, è sicuramente la zuppa Campbell’s il cui iconico packaging ottenne nel 1900 la medaglia d’oro all’Esposizione universale di Parigi, ma da sempre associata alle riproduzioni del grande artista del 1962. Rimanendo in tema food e cucina, un altro pezzo di design vintage interessante è il cucchiaino Sleek firmato dai fratelli Castiglioni per la maionese Kraft nel 1962 e poi rimesso in commercio nel 1996 da Alessi. Per gli appassionati di pasticceria l’idea giusta potrebbero essere le formine per biscotti Aalto di Iittala che si basano sugli schizzi dell’architetto Alvar Aalto e alla sua iconica onda.

&nbsp

Spostandoci invece sul settore cancelleria e stationary troviamo i taccuini di Danese e Pigna raffiguranti i soggetti iconici di Enzo Mari, “Uno, La mela” e “Due, La pera” che possono essere abbinati alla matita rosso e blu della Fabriano, ideale per imprimere sulla carta progetti, idee e spunti.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    SHARE VIA